IL PROGETTO DI BAC NINH

 

Titolo: “Incremento della occupazione giovanile attraverso il miglioramento dei collegamenti tra Scuola ed Impresa nella Provincia di Bac Ninh”.

img_5179

Problemi da risolvere

 

Nonostante la diffusa presenza di Imprese industriali, la Provincia di Bac Ninh soffre per un elevato tasso di disoccupazione, che colpisce in particolare i giovani, le donne ed i disabili. Infatti, solo una minima parte dei circa 4100 giovani che ogni anno si diploma presso i centri di formazione provinciali riesce a trovare un lavoro qualificato.

 

Una delle principali cause che sono alla base di tale fenomeno negativo è la inadeguata preparazione professionale della mano d’opera disponibile, che spinge le Imprese operanti in Bac Ninh a ricorrere a lavoratori provenienti da altre Province o dall’estero.

 

L’obiettivo specifico del progetto è pertanto quello di contribuire all’aumento dei livelli di occupazione giovanile nella Provincia di Bac Ninh, attraverso la riqualificazione del sistema formativo locale e degli uffici di collocamento e la costituzione di un sistema in grado di attivare delle relazioni, di reciproca utilità, tra i Centri di formazione ed il mondo del lavoro.

 

Il Progetto

 

E’ una iniziativa di sostegno istituzionale – della durata di tre anni – finanziata con fondi APS (Aiuto Pubblico allo Sviluppo) messi a disposizione dalla Cooperazione Italiana e basata su un accordo tra ELIS e DOLISA. Il Progetto prevede lo svolgimento di attività formative tradizionali – aggiornate ai più avanzati criteri in materia – quali: la revisione dei curricula scolastici; la formazione di formatori; la supervisione dei corsi formativi. Sono previste anche attività di sostegno e formative a beneficio delle istituzioni operanti nell’ambito del sistema formazione/lavoro provinciale (direzioni scolastiche; DOLISA, MOLISA, ecc.; personale degli Uffici di collocamento; ecc.).

 

Il progetto prevede inoltre piccoli interventi per il miglioramento delle strutture scolastiche e delle dotazioni didattiche.

 

La parte più qualificante del progetto deriva dalla adozione di una metodologia formativa decisamente innovativa basata sulla creazione e la gestione di rapporti diretti tra i Centri di formazione e le Imprese industriali, in modo da consentire – in estrema sintesi – ai primi di orientare le attività formative verso le reali esigenze delle Imprese, favorendo così l’accesso dei giovani formati al mondo del lavoro.

 

La creazione di stretti legami tra Scuole ed Imprese, oltre a permettere un adeguato “orientamento” dei corsi formativi, consentirà ai formandi di svolgere periodi formativi (stages) presso le Imprese stesse.

 

Infine, lo svolgimento del progetto consentirà di mettere a punto un modello formativo che si prevede possa essere sostenibile e, quindi, replicabile in altri contesti del Paese

 

I beneficiari

 

Il progetto è rivolto ai seguenti tre Centri formativi della Provincia di Bac Ninh:

 

  1. Collegio tecnico professionale dell’economia e della tecnologia di Bac Ninh

 

  1. Collegio tecnico professionale dell’elettromeccanica e delle costruzioni della Provincia di Bac Ninh

 

  1. Centro di Formazione Professionale e riabilitazione per Disabili di Bac Ninh

 

ed, in particolare, riguarderà gli ultimi due anni dei cinque che costituiscono l’intero ciclo formativo scolastico, limitatamente ai seguenti settori: ICT (information and communication technologies); meccanica; elettromeccanica – elettronica industriale; energie rinnovabili. Per quanto riguarda il College per disabili, le attività formative riguaderanno i settori dell’abbigliamento-tessitura, il ricamo e l’artigianato. Saranno circa 1080 gli studenti formati ed avviati al lavoro nel corso dei tre anni di durata del progetto; ed inoltre:

 

  • 260 formatori e responsabili scolastici formati
  • 800 studenti dei tre college che beneficeranno di nuove tipologie formative e di nuovo servizi

 

Oltre al tema della disabilità, il Progetto affronterà, in termini formativi, le specifiche problematiche riguardanti il mondo femminile e l’emarginazione giovanile.